Nasce nel 1990 e vive fino ai 21 anni a Cataforìo, piccola frazione di Reggio Calabria.
Nel 2011 si trasferisce a Roma dove intraprende un percorso di studi accademici e musicali, collaborando con vari artisti ed entrando in contatto con diverse realtà, prima fra tutte Etnomusa, orchestra di musica popolare de “La Sapienza” di Roma.
Nel frattempo inizia un'attività concertistica come membro di tre formazioni con le quali partecipa ad importanti manifestazioni in tutta Italia: gli Skunchiuruti, banda di musica dell’Aspromonte grecanico, i SIV, registrando anche un disco agli Abbey Road Studios di Londra, ed i Musaica, ensemble di world music. Nel maggio del 2016 prende parte, in qualità di insegnante, al progetto Erasmus+ "Dance and music as the roots of cultural identity" tenutosi nella città di Valencia.
Nel 2017 scrive ed arrangia le musiche del documentario “La quinta generazione”, con la regia di Michele Ambrogio e collabora nello spettacolo teatrale “La Fata Morgana” scritto ed interpretato da Marica Roberto.
Il 2018 si apre con “Evocazioni e Invocazioni” (progetto in Solo) e la creazione di “Ô Sud!” uno spettacolo musicale sulle polifonie di tradizione orale italiane a cura di Xavier Rebut.
Ha partecipato come musicista ad importanti rassegne e festival in Italia, Francia, Belgio e Polonia come SponzFest, Musicultura, Premio Parodi, Mare e Miniere, Les Suds d’Arles, Le Plancher, Festival du Cinema Mediterraneé, Radio Krakow.
Ha studiato tecnica vocale con Gabriella Aiello, modi del canto contadino con Giovanna Marini e ha frequentato diversi seminari con Elena Ledda, Simonetta Soru e Luca Nulchis
(canto sardo) , Alessandro Foresti (canto corale), Dario Muci (canto polifonico salentino), Luigi Lai (launeddas), Pietro Cernuto (friscaletto), Kenneth Dahl Knudse (music business), Andrea Avena (composizione e arrangiamento), Charles Burrell (songwriting), Reso Kiknadze (musica tradizionale georgiana), Pekka Pylkkänen (improvvisazione),
Albert Hera (circle singing), Dariana Koumanova (vocal coach).

BIO